Protocollo d’Intesa tra il Tribunale di Arezzo e gli Ordini e Collegi professionali provinciali in materia di Consulenza Tecnica d’Ufficio e Perizia


02.04.2019 | Protocollo d’Intesa in materia di CTU e Periti del 6.12.2018 – Sottoscrizione del 02.04.2019 Ordine dei Geologi e Ordine degli Psicologi della Toscana, Ordine delle Professioni Infermieristiche e Collegio dei Periti Industriali e dei Periti Industriali Laureati di Arezzo

Si trasmette il protocollo d’Intesa tra il Tribunale di Arezzo e gli Ordini e Collegi Professionali in materia di Consulenza Tecnica d’Ufficio e Perizia integrato con l’adesione in data 2 aprile 2019 da parte di Ordine dei Geologi e Ordine degli Psicologi della Toscana, Ordine delle Professioni Infermieristiche e Collegio dei Periti Industriali e dei Periti Industriali Laureati di Arezzo

06.12.2018 | Nuovo Protocollo d’Intesa tra il Tribunale di Arezzo e gli Ordini e Collegi professionali provinciali in materia di Consulenza Tecnica d’Ufficio e Perizia – sottoscritto in data 06.12.2018

Gli Ordini e Collegi professionali ed il Tribunale della provincia di Arezzo, in data 06 dicembre 2018, hanno sottoscritto il Nuovo Protocollo d’Intesa in materia di consulenza tecnica d’Ufficio e Perizia.

11.02.2016 | Protocollo d’Intesa in materia di Consulenza Tecnica d’Ufficio e Perizia – sottoscritto in data 11.02.2016 tra il Tribunale di Arezzo e gli Ordini e Collegi professionali provinciali

Gli Ordini e Collegi professionali ed il Tribunale della provincia di Arezzo, in data 11 febbraio 2016, hanno sottoscritto il Protocollo d’Intesa in materia di consulenza tecnica d’Ufficio e Perizia.

A seguito di tale sottoscrizione, gli Ordini e Collegi professionali si sono riuniti per mettere a punto i corsi di aggiornamento professionale necessari per chi intende iscriversi per la prima volta agli elenchi dei CTU e/o periti del Tribunale aretino, come previsto all’art 3, comma 6 punto b) dello stesso Protocollo.

La frequentazione di tale “corso base”, infatti, è indispensabile per poter effettuare la domanda di iscrizione, oltre ai requisiti di cui allo stesso comma 6 dell’art. 3 del Protocollo:

  • condotta morale specchiata e iscrizione all’Albo Professionale (art. 69 del CPC );
  • anzianità, almeno quinquennale, di iscrizione all’Albo;
  • dimostrazione di svolgere effettivamente la libera professione;
  • osservanza dell’obbligo dell’aggiornamento professionale.

 

________________________________

In riferimento a quanto previsto al punto 2 del Nuovo Protocollo d’Intesa sottoscritto in data 6 dicembre 2018 tra il Tribunale di Arezzo e gli Ordini e Collegi professionali in materia di Consulenza Tecnica d’Ufficio e Perizia:


Processo Civile Telematico: obbligo per i CTU di iscrizione dal 01.07.2014 al Registro Generale degli Indirizzi Elettronici (ReGIndE)

Come richiesto dal Presidente del Tribunale di Arezzo, Dott.ssa Clelia Galantino e secondo quanto previsto e regolamentato dal D.M. n. 44 del 21.02.2011 e dal Provvedimento del Ministero della Giustizia del 16.04.2014 si informa che a far data dal 30.06.2014 diverrà obbligatorio il deposito degli atti endoprocessuali in materia civile mediante trasmissione telematica (v. Circolare Min. Giustizia n. 80939/2014).

Dal 1 luglio 2014 pertanto, le Cancellerie dei Tribunali non potranno più ricevere atti cartacei da parte degli ausiliari del Giudice e comunicheranno con i CTU esclusivamente attraverso PEC.

Solo la registrazione del singolo professionista al Reginde (Registro Generale degli Indirizzi Elettronici, istituito e gestito dal Ministero della Giustizia, contenente tutti i dati identificativi, nonché gli indirizzi di posta elettronica certificata dei soggetti abilitati esterni che intendono fruire dei servizi telematici) consentirà al medesimo di procedere al deposito di atti, istanze e relazioni scritte nell’ambito del procedimento in cui egli ha assunto la veste di ausiliario.

Come altresì noto, l’art. 13 disp. atto c.p.c. prevede che presso ogni Tribunale sia istituito un albo dei consulenti tecnici al quale possono essere iscritti soggetti non esercenti una professione regolamentata, o comunque non iscritti in appositi albi. Risulta dunque necessario che anche tutti i professionisti non iscritti in appositi albi, provvedano alla registrazione in proprio sul Reginde, secondo le modalità indicate dall’art. 9 delle Specifiche tecniche adottate con provvedimento del M.G. del 16 aprile 2014, ai sensi dell’art. 34, comma 1 del D.M. 44/2011.

Le modalità di alimentazione del ReGIndE prevedono che sia possibile per il singolo professionista registrarsi in proprio, tramite:

– l’apposita funzionalità disponibile nel Portale dei Servizi Telematici del Ministero della Giustizia alla pagina web http://pst.giustizia.it/PST/;

– uno dei punti di accesso autorizzati, denominati “PdA” (struttura tecnologica-organizzativa atta a fornire ai soggetti abilitati i servizi di connessione al portale telematico, alcuni a pagamento ed altri gratuiti come ad esempio il “PdA Cancelleria Telematica” della Regione Toscana: http://www.giustizia.toscana.it/giustizia.toscana/notizia_dettagli.jsp?codnotizia=82&codicesede=RT);

Per poter effettuare la registrazione al ReGIndE è necessario essere in possesso di:

– casella di posta elettronica certificata (PEC);

– firma digitale;

– nomina o conferimento di incarico da parte del Giudice (il file dovrà essere firmato digitalmente dal richiedente l’iscrizione al ReGIndE prima dell’invio).

Per la registrazione procedere come segue o se necessario vedere le specifiche schede di istruzione allegate:

dall’home page http://pst.giustizia.it/PST/, nel riquadro “servizi” cliccare su “Per poter accedere ai seguenti servizi è necessario effettuare il login”, poi (previo inserimento nel pc del pen-drive contenente la CNS o smart card contenente certificato CNS-like come quello rilasciato da Aruba Pec SpA in convenzione con il Cnappc purché emessa prima del 30 settembre 2011) cliccare su “smartcard” (il sistema richiederà ora l’inserimento del PIN della propria firma digitale o CNS) ed infine cliccare sul Codice Fiscale che apparirà in alto nella pagina, cliccare su “Registrazione Reginde”, apparirà una scheda in cui dovranno essere inseriti i propri dati (nome, cognome, indirizzo PEC e allegata la scansione del documento di nomina), al termine dell’inserimento dati premere “invia”.

Si allegano schede contenenti istruzioni dettagliate per effettuare la registrazione al ReGIndE distinte per chi è in possesso di ArubaKEy e per chi è in possesso di Smartcard (o altro dispositivo di lettura).

ISTRUZIONI ISCRIZIONE REGINDE con ARUBAKEY

ISTRUZIONI ISCRIZIONE REGINDE con SMARTCARD O ALTRO DISPOSITIVO DI LETTURA

[In riferimento al Processo Civile Telematico con obbligo per i CTU di iscrizione al Registro Generale degli Indirizzi Elettronici (ReGIndE), si allegano le slides dell’avv. Sileni quale relatore del  seminario sugli adempimenti telematici della CTU svoltosi lo scorso 31 marzo 2015 ed organizzato dall’Ordine degli Architetti PPC di Arezzo, con gli altri Ordini e Collegi professionali provinciali]


19.02.2013 | Protocollo d’Intesa su conferimento incarichi Consulenze Tecniche d’Ufficio

Nell’attesa che il Tribunale di Arezzo dia riscontro alle questioni di cui al Protocollo d’Intesa proposto dagli Ordini e Collegi professionali provinciali, alleghiamo il documento inoltrato.

 Protocollo Intesa CTU